martedì 12 maggio - Doriana Goracci

Giorgiana Masi, ragazza per sempre senza se e ma (video)

Giorgiana Masi oggi avrebbe avuto la stessa età delle mie sorelle nate nel 1958, oggi sarebbe una signora di poco più di 60 anni.

JPEG - 26.6 Kb
Giorgiana

Io allora ne avevo 27 ed ero una fortunata perché lavoravavo in banca da 4 anni, malgrado la canzone ironico-amara di Antonello Venditti del 1975.

Chissà se il suo compagno sarebbe stato lo stesso di quel 12 maggio 1977, con cui si era incontrata in centro, Gianfranco Papini, dalle parti di Trastevere.

Alle 19:55 erano in piazza Giuseppe Gioachino Belli quando un proiettile calibro 22 colpì Giorgiana all'addome, subito soccorsa, fu portata in ospedale, dove morì. "Abitava con il padre (un parrucchiere), la madre casalinga e la sorella maggiore in un appartamento di via Trionfale a Roma, nei pressi dell'ospedale San Filippo Neri. All'epoca dei fatti frequentava il quinto anno del Liceo scientifico statale "Louis Pasteur", nella stessa classe di Federica Sciarelli... Il Partito Radicale decise di sfidare apertamente il divieto, aveva indetto un sit-in in piazza Navona per il 12 maggio, motivato dalla raccolta di firme alla proposta dei referendum abrogativi e dal celebrare il terzo anniversario della vittoria nel precedente referendum sul divorzio".

JPEG - 233.7 Kb
Giorgiana Masi di Ceroni Cristiano

Di lei si è sempre avuta solo una foto, quella della carta di identità.

Radio3 Rai stamattina ha scelto la parola "incantesimo". Ecco a me sembra che sia il 12 maggio una giornata ferma come per un incantesimo, dove nessuna l'ha sciolto il mistero della sua morte e della mano che l'ha colpita. Rimane lei Giorgiana Masi e noi che allora avevamo solo quella avanzata della primavera romana con una carica di alleggerimento, sogni e speranze, da non scordare mai e difendere. Ciao ragazze e ragazzi, di ieri e di oggi. Sempre.

Doriana Goracci

 

 




Lasciare un commento