martedì 24 gennaio - YouTrend

Gentiloni da Fazio a "Che Tempo che fa": il normalizzatore

Domenica 22 gennaio Paolo Gentiloni è apparso in tv per la sua prima intervista televisiva nella sua veste di Presidente del Consiglio. Lo ha fatto scegliendo il programma di Fabio Fazio, “Che tempo che fa“. Nel corso di questa intervista, Gentiloni ha confermato (consapevolmente o meno) le grandi differenze rispetto al suo predecessore, Matteo Renzi, in tema di comunicazione.

di Andrea Altinier

Dopo l’uragano mediatico pre e post referendum che ha provocato un’autentica bulimia di politica nell’agenda delle notizie quotidiane, ora invece siamo entrati in una fase nuova. Gentiloni è Presidente del Consiglio e Renzi rimane (apparentemente) sullo sfondo. La comunicazione del nuovo Premier ha uno stile ed un tono di voce diverso rispetto al predecessore. Il fattore chiave della sua comunicazione è la normalizzazione sia nei confronti degli attori interni (Partito Democratico) che di quelli esterni (opposizioni ed opinione pubblica).

È inevitabile un confronto tra il modello comunicativo di Gentiloni e quello di Renzi. Lo stile ed il profilo di quest’ultimo si possono ricondurre ad una strategia che si può definisce star strategy. In questo senso si è mosso lo storytelling renziano, che ha delineato una vera e propria star della comunicazione politica attraverso tre elementi principali:

  • il fisico: la giovane età, il dinamismo e una comunicazione ad alta intensità;
  • il carattere: la reattività, il carisma decisionale e il rapporto informale con l’opinione pubblica;
  • lo stile: il suo modo di comunicare innovativo nel linguaggio e nella capacità di farsi capire con l’utilizzo frequente di similitudini con il mondo calcistico. È lo stile tipico del profilo che va sotto l’etichetta di “rottamatore”.

L’ex premier aveva costruito una comunicazione totalizzante per presenza e copertura mediatica ed in particolare nella sua prima fase ha rappresentato un vero e proprio shock di innovazione. La comunicazione della star Renzi ha prodotto una narrazione capace di dettare i temi in agenda e occupare il centro della scena. Sicuramente un leader dal punto di vista mediatico, e questo si è accentuato nel corso dei mesi arrivando all’estremo durante la campagna referendaria. I temi e le parole della comunicazione di Renzi non si sono limitati a quelli prettamente istituzionali, ma l’ex Presidente del Consiglio (anche perché segretario del Pd) ha dilatato il campo d’intervento passando dallo sport alle start up ed arrivando a utilizzare i neologismi pop dell’Accademia della Crusca (“petaloso”). Uno storytelling totalizzante evidente anche dal punto di vista quantitativo se si conta che in media i lanci di agenzia con le sue dichiarazioni in un mese erano circa 900.

Un quadro completamente diverso è quello emerso nelle ultime settimane con l’insediamento di Gentiloni. A cominciare dal profilo quantitativo, se si conta che i lanci di agenzia nel primo mese sono stati circa 340. Ma anche una differenza notevole nello stile e nei contenuti. Un elemento chiaro della comunicazione del neo premier è la normalità. La sua narrazione ruota attorno ai temi istituzionali: economia, rapporti con Bruxelles, riforme, sicurezza, relazioni internazionali, banche, Parlamento. Queste sono alcune delle parole utilizzate con maggiore frequenza dal premier nelle sue dichiarazioni e che circoscrivono con precisione l’area di intervento che è quella dell’azione di governo.

Uno stile ed un tono della comunicazione che non abbandona la sua linea moderata anche nei momenti più complicati come, per esempio, l’emergenza maltempo. Il Presidente del Consiglio si è tenuto distante dall’intervento su temi meno istituzionali e più “politici”, perché questi possono naturalmente mandare in fibrillazione il rapporto con il Partito Democratico. L’avvento di Gentiloni, nella fase post uragano referendario, ha normalizzato la comunicazione di Palazzo Chigi evitando ogni forma di spettacolarizzazione come accaduto nel caso dell’arresto dell’attentatore di Berlino (“l’Italia c’è, lo Stato c’è. Ho appena avvertito la Merkel”). Quello che ne esce è il profilo di un normalizzatore e lo conferma anche la moderazione nell’utilizzo dei social network.

La narrazione di Gentiloni, per ora, non ha affrontato situazioni di particolare crisi ma si è articolata per ora in un flusso di informazioni che riguardavano l’ordinaria agenda di governo. Una strategia di comunicazione che, per ora, ha messo in difficoltà le opposizioni che faticano ad attaccarlo. Ciò sembra confermato dalla Supermedia che registra intenzioni di voto al Pd in lieve risalita e quelle verso il M5S che non riescono a colmare il distacco. Nelle prossime settimane vedremo se questa tendenza sarà confermata e se la comunicazione di Gentiloni riuscirà a consolidare la sua efficacia.




Lasciare un commento