giovedì 7 gennaio - Alberto SIGONA

Garrincha: gli dei dello sport

GARRINCHA (BRASILE, 1933-1983) CALCIO

L’ala brasiliana Anni ’60 è considerata da molti il miglior interprete nel suo ruolo, nonché il più grande brasiliano dopo Pelè. Garrincha era afflitto da diversi difetti congeniti: un leggero strabismo, la spina dorsale deformata, uno sbilanciamento del bacino, sei centimetri di differenza in lunghezza tra le gambe; il ginocchio destro fu affetto da varismo mentre il sinistro da valgismo, nonostante un intervento chirurgico correttivo. Garrincha visse l'infanzia "in uno stato quasi selvaggio", camminando a piedi scalzi, nuotando nei fiumi e dando la caccia ai passeri. Proprio quest'ultima attività determinò la nascita del suo soprannome; garrincha è infatti il termine con il quale nel Nordest del Brasile si identifica un piccolo uccello marrone con il dorso striato di nero. Fu durante questi anni che sperimentò per la prima volta l'assunzione di sostanze alcoliche e fumo. In ossequio ad alcune tradizioni delle popolazioni indigene, il bambino si vedeva somministrare una mistura a base di cachaça (cachimbo) come cura per i suoi guai fisici, mentre già prima dei dieci anni divenne pure tabagista, essendo dedito a fumare sigari di paglia. La sua più grande passione era però praticare il calcio, gioco cui dedicava gran parte del suo tempo e nel quale si dimostrò abile già da giovanissimo, tanto da distinguersi tra i coetanei. Fu subito evidente quale fosse la sua dote migliore, ovvero il dribbling, un gesto tecnico che eseguiva con genuino piacere. Il dribbling era reso particolarmente efficace dall'esplosività dello scatto e dall'imprevedibilità dei movimenti dovuta all'asimmetria degli arti inferiori. Garrincha abusava spesso di questa abilità, giacché soleva dribblare gli avversari e attendere che ritornassero sui propri passi così da superarli una seconda volta, per puro diletto; in una partita valevole per il torneo Rio-San Paolo che il Botafogo giocò contro l'América, l'arbitro arrivò a minacciarlo d'espulsione per via dell'eccessivo numero di dribbling effettuato a scapito del terzino Ivan. In carriera (3 campionati carioca vinti) dimostrò di avere propensione al gol pur non essendo una prima punta, realizzando 249 gol in 579 partite (43%) per il Botafogo (divenne titolare a 16 anni), grazie anche al tiro potente e preciso di cui era dotato; era inoltre in grado di battere dei calci da fermo carichi d'effetto. Con 26 partite e 20 gol quello del 1953 fu il suo campionato più prolifico. In genere però non andò mai in doppia cifra. Si ritirò definitivamente a 40 anni (sebbene negli ultimi anni giocasse solo in casi eccezionali), ma il vero Garrincha si ammirò soltanto sino a 30 anni.

Oltre che dai successi sportivi, la sua vita fu scandita dalla distruttiva passione per gli alcolici e per le donne che gli condizionarono la carriera, un po’ come succederà in epoche più recenti a Maradona. Morì prematuramente all'età di 49 anni, per le conseguenze di una cirrosi epatica e di un edema polmonare, in condizioni di indigenza e degrado.

In Nazionale (50-12) giocò 3 Mondiali, vincendoli nel ’58 e nel ’62 (capocannoniere), in cui fu il vero protagonista di quella edizione (doppietta in Semifinale), degno sostituto dell’infortunato Pelè: si considera che solo Maradona saprà fornire, nel 1986, delle prestazioni individuali altrettanto determinanti durante un Campionato Mondiale di calcio. In totale vanta 5 gol iridati.

Foto:Wikipedia




Lasciare un commento