venerdì 18 novembre - Alberto SIGONA

Francesca Kelly Tisi: “L’attrice a cui mi ispiro è Penelope Cruz”

Intervista alla giovanissima promessa del cinema italiano Francesca Kelly Tisi: “L'attrice a cui mi ispiro è Penelope Cruz”. 

Quando è iniziata la tua passione per la recitazione?

La mia passione per la recitazione è nata per caso, come una chiamata misteriosa.

Quali sono i ruoli che prediligi?

Non ho un ruolo che prediligo, nella mia carriera mi piacerebbe spaziare, sperimentare. Ogni ruolo, secondo me, è una possibilità di crescita.

Quale qualità occorrono in primis per recitare bene?

Secondo me è fondamentale la passione, è un lavoro che devi voler fare con tutta te stessa e non per semplice emulazione, perché non è un percorso facile. Bisogna studiare e tanto… ed essere pronti ad esplorarsi. Quindi, io direi che le prime qualità necessarie per recitare bene sono perseveranza, passione e studio.

Quanto conta il livello culturale in questo lavoro?

Non credo sia fondamentale possedere un grande livello culturale. Però sono sicura che sia necessario conoscere il mondo in cui viviamo e passato e presente

Tu che percorso di studi hai fatto?

Ho vissuto metà della mia vita a Barcellona, sono bilingue, ho imparato prima a scrivere e leggere lo Spagnolo e successivamente al mio rientro in Italia ho imparato a scrivere e leggere anche l’italiano. Ho frequentato il Liceo Linguistico. A livello artistico il mio percorso di studi è iniziato con una formazione come danzatrice, ho iniziato a studiare danza a quattro anni e non l’ho mai lasciata. Per anni ho frequentato l’accademia, avevo lezione tutti i giorni e studiavo danza classica, contemporanea, carattere, repertorio, tecnica di passo a due e pilates. Sono sempre stata più attratta dall’arte in tutte le sue forme e questo mi ha portato all'età di 17 anni ad esplorare la recitazione, campo che mi interessava sin da piccola, quando mi divertivo ad imitare scene che attiravano la mia attenzione di film o serie che vedevo. Amavo i polizieschi e spero un giorno di poter recitare in uno di essi.

Ho iniziato studiando teatro a Milano, per comodità, perché dovevo frequentare le lezioni in accademia e non potevo spostarmi. Successivamente, terminata l’accademia ho iniziato a spostarmi e andavo due volte a settimana a Roma, dove studiavo recitazione, dizione e movimento scenico. Andavo e tornavo in giornata con Italo. Successivamente sono andata a vivere a Roma. Tempo dopo sono andata a Madrid, visto il grande successo delle serie tv spagnole.

Nel mio percorso di studi ho avuto la possibilità di confrontarmi con molti maestri di calibro internazionale. La recitazione mi è venuta in soccorso, quando a 19 anni ho dovuto lasciare la carriera da ballerina, per via di un brutto infortunio. Ne ho sofferto tanto, non è stato facile. Ma nella recitazione ho trovato il mio posto sicuro, dove potermi esprimere al massimo ed elaborare le mie fragilità.

Hai un'attrice famosa a cui t'ispiri?

Amo i film di Almodovar, li ho visti tutti, quindi sicuramente l'attrice a cui mi ispiro è Penelope Cruz, lei è una “chica Almodovar”, una delle sue muse. La trovo assolutamente fenomenale in tutti i ruoli che fa. Poco tempo fa mi è capitato una sua intervista del 1993 che ha rilasciato in occasione del Festival di Locarno. Aveva 19 anni e in quella occasione disse tante cose, ma quella più bella è stata quando ha dichiarato che non è fortuna, che non cercava il successo ma semplicemente che uno vuole una cosa e la cerca e lei quello che cercava era essere felice.

Chi sei nella vita privata di tutti i giorni?

Al di fuori di quello che si può immaginare, sono una ragazza molto timida e riservata. Condivido poco della mia vita privata. Sono molto introversa e questo aspetto del mio carattere spesso viene frainteso. Parlo poco, mi piace ascoltare e osservare. Amo gli animali, ho un cane che per me è davvero tutto che si chiama Stella, e un gatto. Le mie amiche si contano davvero sulle dita di una mano, ma per loro ci sono sempre. Mi piace molto viaggiare, da sola o in compagnia non è importante, perché la solitudine non mi spaventa, anzi molte volte è utile per capirsi. Temo solo le delusioni dalle persone che amo. Ah, ho un ossessione per la Luna, mi affascina, starei ore ad osservarla.

Come trascorri il tempo libero?

Nel mio tempo libero… leggo, guardo film, viaggio, passo del tempo con le mie nipotine più piccole e con le mie amiche. Eh si, mi piace tanto anche seguire le sfilate di moda, andare per negozi (in università ho scelto moda come indirizzo)...per me è una passione che ho ereditato da mia mamma e mia nonna. La moda mi rilassa, non riesco a spiegarlo, ma mi dà una calma inspiegabile a parole...

Cosa fai per tenerti in forma?

Alimentazione sana, fortunatamente mi piacciono fin da piccola cibi cucinati in modo semplice, non vado ghiotta di dolci e snacks, per intenderci... Poi allenamento e pilates. Purtroppo per via dell’infortunio non posso correre né saltare e quindi diciamo che le possibilità si restringono.

Hai programmi per quest'inverno?

Tanti, che si scopriranno con il tempo. Nel frattempo posso dire solo: formarmi, formarmi e formarmi. E Lavorare...

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Ho due registi in particolare con cui mi piacerebbe un giorno lavorare, uno italiano e l’altro spagnolo. Nel frattempo vi rispondo con: essere felice.

Grazie mille Francesca!!!

Si ringrazia altresì Valentina Calabrò, agente VyP Talent Agency.




Lasciare un commento