lunedì 23 marzo - YouTrend

Coronavirus, le previsioni del Governo e i dati reali

Un grafico nella bozza del decreto Cura Italia e riportato dal Sole 24 Ore mostrava le previsioni del Governo fino a fine aprile: confrontiamolo con i dati reali del contagio

di Giovanni Forti

Mentre l’epidemia di Coronavirus preoccupa sempre più, è interessante confrontare i dati reali del contagio con le previsioni del Governo. Un grafico con stime di medio periodo sul contagio, redatto dalle autorità sanitarie italiane, era infatti presente in una bozza della Relazione Tecnica del decreto Cura Italia ed è stato ripreso da Il Sole 24 Ore in questo articolo. Il documento, scaricabile a questo link, mostra il grafico a pagina 36, accompagnato da questa didascalia:

Sulla base dei dati riportati sul sito del Ministero della Salute sull’andamento dei contagi fino al 8 marzo u.s. e ipotizzando un andamento futuro dei contagi giornalieri come dal grafico seguente, elaborato considerando un raddoppio dei contagi in circa 3 giorni fino a metà marzo e successivamente un graduale calo dovuto alle misure di contenimento varate dal Governo.
Questo andamento porterebbe ad un numero di soggetti contagiati complessivi pari a circa 92.000.

Comunque, non è chiaro quale ente o organo abbia realizzato queste stime. Il grafico, infatti, non è presente nella versione definitiva della relazione tecnica al decreto. Tuttavia, i calcoli finanziari basati sulle stime dei contagi sono rimasti gli stessi anche nella versione pubblicata in Gazzetta Ufficiale, indice del fatto che l’andamento dei contagi ipotizzato nella bozza è confermato.

Coronavirus, l’andamento dei contagi giornalieri secondo le stime del Governo

Screenshot Grafico Previsioni Governo Coronavirus

Il grafico quindi rappresentava le stime dei nuovi casi giornalieri fino alla fine di aprile, ottenute sulla base dei dati reali fino all’8 marzo. Le stime presenti nel grafico mostravano un picco per il 17 marzo con circa 4.400 nuovi contagi, seguito da un graduale declino. Queste previsioni si sono rivelate piuttosto corrette fino a ieri, 19 marzo, quando i nuovi contagi sono schizzati a 5.322, superando le stime di oltre mille casi.

Qui sotto il confronto fra i dati del grafico e i dati reali. Bisogna sottolineare che il grafico con le previsioni del Governo si riferisce al numero dei contagi giornalieri. Il dato, quindi, riguarda la crescita dei casi totali, e non la crescita del numero di contagiati, che sottrae guariti e deceduti al numero dei nuovi casi.

Coronavirus, le previsioni giornaliere del Governo a confronto con i dati reali

Comunque, nonostante la discrepanza di ieri, visti i molti problemi nei dati ufficiali i casi totali ad ora sono inferiori alle stime del Governo. Queste, infatti, prevedevano un totale di poco inferiore ai 46 mila casi per il 19 marzo, mentre i dati del bollettino della Protezione Civile di ieri si sono fermati a 41.035. Il numero complessivo dei casi a fine aprile, quando il Governo ipotizza la fine dell’epidemia, secondo le previsioni presenti nel grafico sarà intorno ai 92 mila casi.

Coronavirus, le previsioni complessive del Governo a confronto con i dati reali

 
 



Lasciare un commento