giovedì 25 marzo - Pressenza - International Press Agency

Colombia, ucciso leader indigeno Gilberto Findicue Achicue

È il secondo leader indigeno colombiano morto in una settimana dopo la sindaca del Resguardo del Cabildo Camentzá, Biyá María Bernarda Juajibioy. Secondo l’Institute of Studies for Development and Peace (Indepaz), il caso di omicidio politico del leader Gilberto Findicue Achicue è il numero 35 in termini di leader sociali assassinati in Colombia finora nel 2021.

di Lorenzo Poli

Gilberto Findicue Achicue (Foto di Feliciano Valencia)

Ha perso la vita lunedì 22 marzo in Colombia, quando uomini armati sconosciuti hanno fatto irruzione nella riserva del comune di San Andrés de Pisimbalá nel comune di Inzá, dipartimento di Cauca, e hanno tentato di rapire quattro membri della comunità. Durante l’azione, il leader Gilberto Findicue Achicue è stato assassinato e un altro membro della comunità è rimasto ferito. I restanti due sono riusciti a sfuggire ai loro rapitori, secondo fonti locali.

Le autorità indigene della riserva di San Andrés de Pisimbalá hanno rilasciato una dichiarazione in cui esprimono il loro più deciso rifiuto di questo fatto, nonché della presenza di gruppi armati irregolari nella zona. Allo stesso modo, il Cauca Departmental Asanblea si è pronunciato condannando questo fatto e invitando le autorità centrali ad agire per sradicare le manifestazioni di violenza che colpiscono il dipartimento.

L’Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia (ONIC) ha sottolineato su Twitter: “Ci uniamo al rigetto dell’omicidio di Gilberto Findicue Achicue avvenuto ieri, dopo essere stato arrestato insieme ad altri tre membri della comunità indigena, uno dei quali è rimasto gravemente ferito e gli altri due sono riusciti a fuggire”. L’organizzazione indigena inoltre ha chiesto, ancora una volta, al governo di Ivan Duque “di fornire garanzie di protezione alle popolazioni indigene, chiediamo che finisca lo sterminio e cessino le violenze nei nostri territori”.

Il caso è stato inizialmente denunciato dal senatore indigeno Feliciano Valencia attraverso i suoi social network. Va detto che la Guardia indigena ha avviato i controlli per trovare l’ubicazione dei responsabili che sarebbero stati membri della struttura di Dagoberto Ramos. Nella stessa zona due settimane fa, gli uomini hanno ucciso un camionista con cassone ribaltabile.

Nel 2020 l’Oficina de la Onu para los Derechos Humanos en Colombia ha documentato in 18 dipartimenti del Paese 66 massacri, in cui hanno perso la vita 255 persone. Inoltre, l’Onu ha ricevuto informazioni sull’assassinio di 120 difensori dei diritti umani.

Nel luglio 2020 Carlos Ruiz Massieu, a capo della Misión de Verificación de la Onu en Colombia, aveva denunciato al Consiglio di Sicurezza dell’Onu l’uccisione di ex combattenti delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), difensori dei diritti umani e leader comunitari, ritenendo queste violenze la più grave minaccia per la pace del Paese. Uno dei popoli indigeni maggiormente colpiti è stato quello dei Nasa, con 66 indios assassinati nel 2020 nella regione del Norte del Cauca. Il 5 dicembre 2020, 5 persone, tra cui un ex combattente delle Farc, sono state assassinate nel corso di due attacchi da parte di milizie armate di estrema destra che gestiscono il traffico di cocaina. Nello stesso giorno 24 leader e autorità del popolo Nasa avevano ricevuto minacce di morte. Dalla storica firma degli Accordi del 2016 sono stati documentati circa 244 omicidi di ex combattenti delle Farc.




Lasciare un commento