mercoledì 24 marzo - Accademia Lirica Toscana "Domenico Cimarosa"

Cimarosa e la raccolta completa delle sue Overtures

Horus Music Limited, in collaborazione con l'Accademia Lirica Toscana "Domenico Cimarosa" rilascia sul mercato il quarto volume dedicato alla registrazione integrale delle Overtures operistiche del grande compositore aversano del Settecento Domenico Cimarosa.

Oggi, 4 marzo 2021, l'etichetta discografica inglese Horus Music Limited ha rilasciato nel mercato discografico mondiale un album dedicato al grande compositore aversano vissuto nella seconda metà del Settecento, Domenico Cimarosa. Cimarosa è considerato uno tra i maggiori esponenti della cosiddetta Scuola Napoletana del '700 e i suoi lavori, per lo più melodrammi seri e comici, furono tra i più rappresentati e applauditi da tutti i teatri e da tutte le corti europee. Il compositore ci ha lasciato un patrimonio musicale di oltre 60 melodrammi, una vasta produzione di musica sacra e alcune composizioni strumentali. Cimarosa, tutto sommato, è un compositore ancora oggi piuttosto presente nei cartelloni dei teatri lirici, in particolar modo con la sua più celebre opera Il matrimonio segreto, ma negli ultimi venti anni ha goduto, giustamente, di una forte rivalutazione e si è avvalso di un attento lavoro di riscoperta da parte di musicologi e di musicisti di tutto il mondo. Un merito particolare a quest'opera di riscoperta va riconosciuto a Simone Perugini, da anni responsabile del progetto di pubblicazione dell'edizione critica cimarosiana per Artaria Editions Limited e Naxos e direttore artistico e musicale dell'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa”.

E' proprio l'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa” il partner artistico di Horus Music Limited che ha reso artisticamente possibile la produzione di questa nuova release discografica dedicata alle Overtures (o, come le definivano gli stessi compositori, “Sinfonie”) operistiche di Cimarosa. Horus Music Limited aveva già pubblicato, nei mesi scorsi, tre release discografiche dedicate all'incisione completa delle Overtures cimarosiane, tutte interpretate dalla Tuscan Opera Academy Orchestra e dirette da Simone Perugini. Anche quest'ultima release, il cui titolo completo è “Cimarosa: Opera Overtures, Vol. 4”, e che quindi, si qualifica come quarto volume dell'intera raccolta, si avvale dell'interpretazione musicale della Tuscan Opera Academy Orchestra diretta da Simone Perugini. Le edizioni musicali utilizzate per l'esecuzione sono quelle che sono state preparate e pubblicate nel corso degli anni da Artaria Editions Limited e curate, come detto, dallo stesso Perugini.

Il quarto volume comprende dieci Overtures composte da Cimarosa tra le quali spiccano, per rarità di esecuzione, quella scritta dall'allora giovanissimo aversano per un'opera composta da un altro musicista, Gaetano Monti, fratello della celebre cantante dell'opera Marianna Monti, amica e già favorita interprete dei primi lavori originali di Cimarosa. L'opera in questione si intitola Il cicisbeo discacciato; Cimarosa, per quest'opera, non solo compose l'Ouverture, ma anche un paio di arie e un quartetto vocale. La musica della restante parte del lavoro fu approntata, con ogni evidenza, da Gaetano Monti che figurò, però, nei libretti dell'epoca come compositore ufficiale dell'intero lavoro. La raccolta comprende anche l'Ouverture alternativa per la celebre opera seria Gli Orazi e i Curiazi che Cimarosa compose originariamente su commissione del Teatro La Fenice di Venezia e che ebbe il proprio fortunato debutto nel 1797. Nel 1800, un anno prima che il compositore morisse, a Parigi fu allestita una ripresa dell'opera e Cimarosa, proprio per questo nuovo allestimento, compose un'Ouverture alternativa a quella composta nel tre anni prima per il debutto veneziano:è proprio questa nuova composizione che ritroviamo incisa in questo prezioso album. La release, nella sua versione fisica in CD, comprende anche un ampio booklet arricchito una preziosa serie di note editoriali (in italiano e in inglese) sulla genesi, sulla storia e sulla esegesi dei lavori registrati.

Foto: Wikipedia




Lasciare un commento