mercoledì 24 marzo - Alberto SIGONA

Bjorn Borg: gli dei dello sport

BJORN BORG (SVEZIA, 1956) TENNIS

 

E' ritenuto dalla critica uno dei più grandi tennisti di sempre, forse il migliore dell'era Open dopo Federer, Nadal e Djokovich. Vincitore di 6 Roland Garros e 5 Tornei di Wimbledon, oltre a 2 Campionati del Mondo ed 1 Coppa Davis, Borg fu uno dei pochissimi tennisti di ogni epoca a svettare sia sulla terra rossa che sull'erba. Numero uno del ranking ATP per 4 anni, contribuì negli Anni Settanta alla popolarità del Tennis, divenuto da allora tra gli sport più praticati fino ad oggi. Lo svedese Borg fu il primo a colpire la palla con il colpo diritto costantemente dal basso verso l'alto, conferendole il cosiddetto effetto in top-spin mediante rotazione del polso: i vantaggi di questa tecnica di esecuzione sarebbero poi divenuti alla portata di tutti con l'avvento dei telai in alluminio e grafite e con l'allargamento dell'area del piatto corde ma negli anni Settanta il solo Borg riusciva a eseguire con regolarità tale colpo. Giocava inoltre con il rovescio a due mani, all'epoca giudicato estremamente inelegante: insieme a Jimmy Connors fu il primo a giocare ad altissimi livelli con quel colpo mostrandone tutte le potenzialità. Pur essendo arrivato 4 volte in Finale, non ha mai vinto l'Open degli Stati Uniti. Non ha quasi mai preso parte agli Australian Open. Si ritirò a soli 26 anni, il che rende il computo delle vittorie ancor più eclatante.

Foto: Wikimedia




Lasciare un commento