lunedì 1 giugno - La bottega del Barbieri

Argentina: covid nelle Villas Miseria

Roger Waters, ex leader dei Pink Floyd, ha inviato un messaggio nel quale ha condannato “la straordinaria e imperdonabile diseguaglianza che esiste nelle nostre società”. Gianni Hochkofler ha tradotto per la bottega un articolo di Carlos Rodriguez pubblicato sul sito web del quotidiano argentino Pagina 12.

In un messaggio alla famiglia di Ramona Medina e agli abitanti del quartiere Padre Mugica (ex Villa 31), Roger Waters ha condannato “la disuguaglianza straordinaria e imperdonabile che esiste nelle nostre società, specialmente quando parliamo di qualcosa di fondamentale e semplice come l’acqua”.

Come triste metafora della realtà dei quartieri popolari argentini, la solidarietà di Waters è arrivata più velocemente dell’acqua. Nella città di Buenos Aires ci sono 5.677 casi positivi di coronavirus, la maggior parte nei quartieri più poveri della zona meridionale. Ci sono stati 180 morti e 1.426 persone sono state dimesse.

La situazione peggiora ogni giorno nelle “villas” di Retiro e Flores, dove si concentra il 53 percento delle infezioni da coronavirus nella città di Buenos Aires. I dati aggiornati fino a questo sabato collocano Retiro, dove si trova il quartiere Mugica, come il più colpito, con il 34% dei casi, seguito da Flores, dove si trova la “villa 1.11.14”, con il 19%. Si sono verificati due nuovi decessi, portando a 19 il numero totale di morti nei quartieri vulnerabili.

In questo contesto, è arrivato da New York un video inviato agli abitanti del quartiere Mugica, attraverso La Garganta Poderosa, dall’ex leader dei Pink Floyd,. Era grato per l’invio di una lettera che lo informava delle circostanze in cui era avvenuta la morte di Ramona Medina. Oltre ad esprimere il suo dolore ed esprimere le sue condoglianze alla famiglia, Waters ha osservato che Ramona “aveva assolutamente ragione” perché “è completamente iniquo che qualcuno non abbia accesso all’acqua in un paese in via di sviluppo”. Ha ritenuto che la causa di questi fatti riprovevoli ha a che fare con il fatto che “tutto ha un prezzo e ciò che lo motiva è il profitto in Argentina o di sicuro (anche) negli Stati Uniti, dove vivo io”.

Ha anche considerato possibile che “cercheranno di venderci la nostra acqua piovana e se non potessimo pagarla, vivremmo senza di essa”. Ecco perché “Ramona aveva talmente ragione di reclamare e mi rattrista molto che le sue parole non siano state ascoltate”.

Facendo eco alle stesse parole degli abitanti del quartiere, Waters ha detto : “La ricorderemo e continueremo con la sua lotta”. A questo punto, ha osservato che oggi tutti parlano del covid-19 “e di come speriamo che tutto torni alla normalità”. Ha detto che la vera opzione deve essere “tornare a qualcosa di molto, molto migliore della” normalità “in vigore” prima di questo virus, perché ciò che questo virus ci ha mostrato è quanto sia “schifosa” la normalità. “

Ha sostenuto che la pandemia “ci ha mostrato più drasticamente di qualsiasi altra cosa, le disuguaglianze straordinarie e imperdonabili che esistono nelle nostre società specialmente quando parliamo di qualcosa di fondamentale e semplice come l’acqua”. Quindi ha ribadito le sue condoglianze alla famiglia di Ramona, ha espresso il suo “affetto” a “tutti nella Villa 31” e ha detto che spera di “tornare presto in Argentina e mi piacerebbe visitarli”. In chiusura ha cantato una canzone emblematica del cantautore cileno Víctor Jara, assassinato dalla dittatura di Augusto Pinochet: “Il diritto di vivere in pace”. Una pace difficile da raggiungere nei quartieri popolari della città più ricca del paese, che oggi ha la zona di Retiro con un indice di 2.139,89 casi per 100.000 abitanti, il 34% di tutte le infezioni nella Capitale Federale, principalmente nel quartiere Padre Mugica.

Foto: Aleposta/Wikimedia




Lasciare un commento