lunedì 3 luglio - Aldo Funicelli

Addio Paolo Villaggio: come era umano lei

Come tutti quelli della mia generazione sono cresciuto coi film di Paolo Villaggio.
Da Fracchia a Fantozzi, la serie dell'impiegato della "italpetrolcemetermotessilfarmometalchimica" (parodia della Italsider, dove Villaggio aveva lavorato).

Impiegato vessato da colleghi, superiori, innamorato respinto della collega Silvani.
Era una parodia della vita impiegatizia, del leccaculimo nei confronti dei capi (il megadirettore Galattico), dei simboli del potere in ufficio (la pianta di ficus), la sfida a biliardo col direttore Catellani per perdere e fare carriera:
"Al 38° coglionazzo e a 49 a 2 di punteggio, Fantozzi incontrò di nuovo lo sguardo di sua moglie ..."


Peccato che qualcuno poi, lo abbia preso sul serio, per sposare questo modello.
In ufficio, nella vita, in politica.

Grazie di tutto Paolo (anche per quel modo di vestire stravagante degli ultimi anni).




Lasciare un commento