venerdì 29 marzo - UAAR - A ragion veduta

ASL toscane collaborano con gli integralisti della famiglia

La clericalata della settimana è delle Aziende Sanitarie della Toscana Sud-Est che

hanno stipulato accordi con il forum locale delle “associazioni per i diritti della famiglia”, composto da sigle integraliste, e i Centri di aiuto alla vita (anti-abortisti) per un finanziamento di 195.000 euro in tre anni per svolgere attività anche sull’interruzione di gravidanza

“Il disagio sociale sempre più diffuso e i bisogni crescenti di ascolto e di sostegno da parte delle coppie, delle famiglie, dei singoli, delle mamme in difficoltà — ha detto l’assessore al sociale Stefania Saccardi — interrogano con frequenza sempre maggiore i servizi di accoglienza e di primo ascolto. Di fronte al costante aumentare di queste richieste, l’offerta di servizi adeguati può essere ampliata attraverso la collaborazione fra la rete consultoriale pubblica e il Forum delle associazioni per i diritti della famiglia”.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Il ministro per la Famiglia e la Disabilità, Lorenzo Fontana, ha concesso un ipotetico “patrocinio” al Congresso mondiale delle famiglie di Verona, dopo che la Presidenza del Consiglio ha revocato il proprio coinvolgimento, sebbene non fosse legittimato a farlo. Anche il governatore della Regione Friuli-Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha annunciato di voler concedere il patrocinio all’evento.

Il sindaco di Massa Francesco Persiani (Lega) ha rimosso l’assessora alla Cultura Eleonora Lama e il vicesindaco Guido Mottini dopo lo scandalo causato da un quadro ritenuto blasfemo, esposto in una mostra dell’artista Giuseppe Veneziano presso il Palazzo Ducale. L’opera, che rappresenta Gesù crocifisso con slip leopardati e l’acronimo “Lgbt” al posto del canonico “Inri”, ha scatenato la dura reazione del vescovo locale; il primo cittadino di Massa ha quindi parlato di “paurosa gaffe” e di “quadro che ha offeso la comunità cattolica”.

Nella Sala Piersanti Mattarella della sede dell’Assemblea Regionale Siciliana si è tenuto un incontro per promuovere un intergruppo istituzionale locale per la difesa della famiglia “naturale”. Presenti il deputato leghista Alessandro Pagano e quello regionale Antonio Catalfamo. L’evento ha ottenuto l’adesione di numerosi sindaci, assessori e consiglieri comunali in Sicilia, nonché della deputata Carolina Varchi (FdI).

Il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici del Comune di Roma ha scritto ai dirigenti scolastici degli Istituti comprensivi e delle scuole secondarie di primo e secondo grado per invitare “le scuole e le famiglie di Roma a partecipare numerose” alla visita di papa Francesco in Campidoglio.

Il corteo di rievocazione storica per il natale di Roma rischia di saltare perché il Comune, secondo gli organizzatori, non intende coprire i costi per transenne, occupazione di suolo pubblico e bagni chimici, in quanto l’evento è in concomitanza con la pasqua.

Il Comune di Trapani ha negato il riconoscimento della doppia paternità ai figli di una coppia gay, nati all’estero tramite gestazione per altri. Il sindaco Giacomo Tranchida ha sostenuto infatti che registrare anche la paternità dell’altro partner sia una forzatura e richiederebbe una legge, sebbene il Comune abbia già trascritto l’atto di nascita dei bambini come figli di uno solo dei due genitori.

Ogni settimana l'UAAR pubblica una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”.




Lasciare un commento