sabato 27 aprile - mario rossi

A passeggio con il bebè: l’importanza della scelta del passeggino

Quando sta per arrivare un bambino, una delle decisioni più importanti con cui si deve fare i conti riguarda il passeggino. Infatti, questo importante accessorio per l'infanzia è indispensabile fin dai primi giorni di via del piccolo, in quanto ne permette il trasporto in totale sicurezza e con il massimo del comfort.

Di fatto, si tratta di un investimento importante, per tanto è consigliabile non agire d'istinto, in modo da scegliere un prodotto durevole, in grado di svolgere al meglio il proprio compito per almeno 3 anni. In commercio è possibile trovare una vasta gamma di modelli disponibili, ognuno con delle caratteristiche ben precise, che possono mandare in tilt anche i genitori più tranquilli.

Dunque, come fare per riuscire ad orientarsi al meglio? L'importante è avere ben chiari in mente alcuni aspetti fondamentali, che possono fare la differenza in fase di scelta. É in questo modo, infatti, che sono riuscita a trovare il passeggino Chicco più adatto per mio figlio.

Carrozzina e passeggini: le tipologie disponibili in commercio

Per i primi mesi di vita, il neonato deve rimanere sdraiato, poiché non è in grado di mantenersi in una posizione seduta. Per tale ragione è bene ricorrere alle carrozzine, che si presentano come delle culle su ruote. Alcuni modelli sono fissi con il lettino imbottito, mentre altri sono modulari, ovvero pensati per consentire il montaggio sia della carrozzina che dell'ovetto.

Tuttavia, sul mercato è possibile trovare anche passeggini duo, che dispongono di un telaio fisso, sul quale è possibile installare diversi supporti, in base alle necessità di crescita del piccolo. Leggermente più complessi sono, invece, i passeggini trio, in quanto è possibile inserire diversi elementi, il che ne permette l'utilizzo per un tempo maggiore. Ciononostante, sul mercato si possono trovare anche soluzioni a 3 ruote, che consentono un'elevata mobilità ed agilità, e si adattano a qualunque tipo di superficie.

Esistono, però, anche i modelli a 4 ruote, che assicurano un'elevata stabilità e sono adatti soprattutto per l'utilizzo urbano e sui terreni lisci. Infine, è bene ricordare i passeggini leggeri, che hanno un peso ridotto ed una struttura semplice, ideali per uscite veloci, ed i passeggini gemellari, che permettono di gestire con un unico apparecchio due bambini: gemelli o fratelli estremamente vicini di età.

Alcuni consigli da non sottovalutare

In fase di scelta è bene stabilire un budget di spesa, in modo da scartare immediatamente i modelli eccessivamente costosi. Tuttavia, è fondamentale sottolineare che spesso online è possibile trovare delle offerte vantaggiose che permettono di comprare soluzioni di qualità elevata, ad un prezzo contenuto. Gli aspetti da considerare sono però ancora numerosi.

Importante è il peso, che deve essere inferiore a 10 kg, poiché altrimenti si rischia di avere difficoltà a manovrare il passeggino, ma anche la portata, in quanto determina per quanto tempo l'apparecchio può essere utilizzato dal bambino. Si consiglia di puntare a modelli in grado di reggere almeno 15 kg, così da risultare utili per almeno i primi 2-3 anni di vita del piccolo.

Da valutare con attenzione, però, sono anche i materiali di costruzione, che devono essere atossici, in modo da non arrecare danno alla salute del bimbo, e la struttura, che deve essere resistente, ma in grado di aprirsi e chiudersi facilmente, possibilmente con l'ausilio di una sola mano. Gli ultimi punti su cui vale la pena di soffermarsi sono gli accessori, che rendono il passeggino più performante, come la tasca portaoggetti e le coperture antipioggia e sole, nonché la sicurezza, che è data dalle cinture, dai freni e dalla struttura.

 




Lasciare un commento