giovedì 6 agosto - Anna Maria Iozzi

A #Giffoni50, arriva il cast di Skam Italia

SKAM Italia torna al Giffoni Film Festival. Dopo il caloroso abbraccio di masterclasser e jurors dello scorso anno, appuntamento per il prossimo 20 agosto con i protagonisti della quarta stagione, andata in onda in contemporanea su TIMVISION e su Netflix

I giurati delle sezioni Generator +16 e +18 avranno l'opportunità di confrontarsi con il regista Ludovico Bessegato e con gli attori Ibrahim Keshk, Pietro Turano e Beatrice Bruschi, che ha dato corpo e voce a Sana, protagonista di questo nuovo capitolo. Beatrice Bruschi interpreta una ragazza musulmana dall'intelligenza brillante, divisa tra la voglia di divertirsi e di mordere con gioia il mondo occidentale e il timore di andare in contrasto con i precetti della fede islamica e le aspettative del suo nucleo familiare. 

Sessualità, adolescenza, razzismo, sono alcuni dei temi affrontati dalla fortunata serie tv famosa ormai in tutto il mondo, grazie a un sapiente storyline centrale a cui fanno da contraltare diverse trame in sottotraccia. 

Creata da Bessegato e prodotta da Cross Productions – TIMVISION, la serie italiana è parte del “franchise” di Skam che prende vita dall'omonima versione norvegese del 2015. 

Tra gli attori più amati del cast, c'è senza dubbio Beatrice Bruschi che, nel 2011, ha preso parte a “Sketch up”, un programma televisivo comico per ragazzi su Disney Channel, per poi avvicinarsi al cinema nel 2018 con la sua apparizione nel film “Caos Calmo” di Antonello Grimaldi. Nel 2018, arriva SKAM Italia che le darà il grande successo. 

Tra i talenti presenti al festival, Pietro Turano che, sul set, è Filippo detto Filo. Turano ha il primo ruolo da protagonista nel 2015, nel corto “Il re della collina” e, nello stesso anno, partecipa al documentario “Tutti Fuori” di Massimo Latini, presentato al Festival di Torino. L’anno successivo, il primo debutto teatrale insieme a Dante Antonelli, con cui lavorerà nuovamente ad ottobre 2019 nella cornice di RomaEuropa Festival per “Atto di Adorazione”. Dal 2018, è Filippo Sava nel cast di SKAM Italia. Parallelamente alla carriera di attore, Pietro è un attivista impegnato per i diritti LGBT+ in qualità di consigliere nazionale Arcigay e VicePresidente di Arcigay Roma, dove si occupa prevalentemente di giovani, scuole e università, salute e relazioni internazionali. Inoltre, è parte dello Staff di Gay Center, Gay Help Line e Lazio Pride. 

A Giffoni, ci sarà anche Ibrahim Keshk che, nella popolare serie, interpreta Rami, il fratello di Sana. Nato a Roma da famiglia egiziana, inizia a fare l’attore per caso quando, nel 2017, partecipa ad un provino per il cortometraggio “Sette passi” di Matteo Graia, per il quale viene scelto e che gli vale il premio come migliore attore al Roma Creative Contest. Da quel momento, lo si nota in diversi videoclip di artisti italiani come “Argentario” di Carl Brave x Franco 126, diretto da Francesco Lettieri, e nella serie diretta da Cinzia TH Torrini “Pezzi Unici”. Nel 2019, entra a far parte del cast della quarta stagione di SKAM Italia. 

Torna a Giffoni, anche Ludovico Bessegato, showrunner per Cross Productions, con cui ha contribuito a realizzare diversi prodotti di lunga serialità, alcuni dei quali tradotti e distribuiti in tutto il mondo. Dal 2018, è regista, sceneggiatore e showrunner di Skam Italia (disponibile su TIMVISION, e su Netflix, e premiata con il Giffoni Experience Award 2019). Tra i principali titoli seguiti come produttore creativo, si ricordano la prima stagione de “Il Cacciatore” (Raidue, premiata a Cannes Series 2018 per la migliore interpretazione maschile), la prima stagione di “Rocco Schiavone” (Raidue, Migliore Serie dell’anno Roma Fiction Fest 2016), “Una Grande Famiglia” (Raiuno, migliore Fiction dell’anno Roma Fiction Fest 2012). 




Lasciare un commento