martedì 4 luglio - Riccardo Noury - Amnesty International

Torino per Giulio Regeni, ieri il Comune e oggi il Consiglio regionale

Tortura | Dopo una settimana di iniziative presso le otto circoscrizioni cittadine, la mobilitazione straordinaria di Amnesty International Piemonte per rilanciare la campagna “Verità per Giulio Regeni” è arrivata ieri al Comune di Torino e oggi al Consiglio regionale del Piemonte.

Dal 25 giugno lo striscione della campagna è passato quotidianamente da una circoscrizione all’altra, accompagnato da laboratori didattici, conferenze, proiezioni di film e anche dalla “canoa di Giulio” (nella foto), che ha preso parte alla tradizionale regata sul Po di San Giovanni.

Ieri, a 17 mesi esatti dal ritrovamento al Cairo del corpo orrendamente torturato di Giulio, una delegazione di Amnesty International Piemonte si è recata in Circoscrizione 1, prendendo lo striscione e, insieme al presidente della Circoscrizione 1 Massimo Guerrini, lo ha portato in Palazzo Civico. Intorno alle 11 verrà è stato affisso sulla facciata del Municipio di Torino, in piazza Palazzo di Città.

Amnesty International Piemonte ha consegnato poi alla sindaca Chiara Appendino le otto mozioni con le quali le otto circoscrizioni torinesi hanno aderito alla “Settimana per Giulio” e con le quali si impegnano a chiedere “Verità per Giulio Regeni” sin quando non sarà ottenuta.

Oggi la campagna verrà presentata nel corso di un’apposita seduta del Consiglio regionale, alla presenza di Mauro Laus e Sergio Chiamparino, rispettivamente presidente del Consiglio regionale del Piemonte e presidente della Regione Piemonte.

A seduta conclusa, i 50 consiglieri regionali e i due presidenti scenderanno in strada per assistere all’affissione dello striscione nella facciata di palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale del Piemonte.




Lasciare un commento