martedì 20 dicembre 2016 - Doriana Goracci

Terremoto | #BABBONATALENONTREMA: "Non spegnete l’informazione"

Babbo Natale è arrivato dal cielo ad Amatrice, in una giornata di freddo e sole e di tanti sorrisi dei bambini. 

Erano 8 paracadutisti dell’Associazione nazionale sezione di Terni, tra cui Babbo Natale, che si sono lanciati da un aereo, il Pilatus, per distribuire doni ai bambini di Amatrice. Sono atterrati a Sommati, frazione del comune distrutto dal terremoto del 24 agosto scorso.

Già, agosto scorso...

Avevano scritto: "Nell’ultimo week end d’agosto, sabato 27 e domenica 28, torna puntuale l’atteso ApiMarche 2016, la più antica mostra-mercato dei mieli e dei suoi derivati..." Doveva essere a Montelupone, piccolo centro delle Marche, un evento bellissimo. Poi ...il terremoto.

https://www.youtube.com/watch?v=ARGKCFdiNfI

Quasi giornalmente si legge di una scossa di varia magnitudo registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia in provincia di Macerata. Solitamente coinvolge i comuni più vicini all'epicentro come Castelsantangelo sul Nera, Ussita, Bolognola,Visso... Le abbiamo scordate le persone terremotate appresso a tutti questi corrotti corruttori e marziati dalla corruzione in Italia? Le peregrinazioni dei connazionali, colpiti dal terremoto sembrano andate a finire nell'ultima pagina degli interessi... eppure c'è ancora tanta gente straordinaria che ci pensa e si rende utile.

Vorrei citare per primi i cuochi maceratesi dell'Associazione Provinciale Cuochi Macerata "Antonio Nebbia" che hanno lasciato i loro lavori per cucinare i pasti nelle tensio strutture anche per 800 persone al giorno. Leggo così che è stata aperta su Facebook una pagina, "Babbo Natale non trema", e che in pochi giorni ha fatto furore con l'invio di un regalo per ogni bimbo: «Non raccogliamo soldi chi vuole partecipare all’iniziativa "Babbo Natale non trema", ci contatta e invia direttamente un dono acquistato online o spedito da casa. Il nostro punto di riferimento finora sono infatti le scuole, che ci forniscono gli elenchi degli alunni di materne, elementari e medie (anche perché molti bimbi adesso vivono in tende, roulotte). In base a queste liste che ci arrivano, noi mandiamo un messaggio privato per ogni utente che vuole inviare il dono dandogli nome ed età del bambino, così in base agli anni e al fatto se sia maschio o femmina il regalo è mirato, allegando l’indirizzo. La scuola si fa carico dei doni e, entro Natale, li consegnerà ai vari piccoli studenti».

Leggo tra i commenti: "Un piccolo pensiero per voi, per far sapere a più gente possibile quanto siete speciali! Da parte di un giornalista che è anche papà di due bambini che hanno perso la casa e la scuola in questo terremoto, ma grazie a tante persone come voi stanno ritrovando la speranza! Grazie ancora!"

Poi ci sono le Brigate di Solidarietà Attiva - Terremoto Centro Italia

Dalla loro pagina Facebook: "...le raccolte sono riaperte solo nelle regioni Lazio, Umbria, Marche, Molise, Campania, Toscana, Abruzzo. Altri possono contribuire con serate di raccolta fondi che useremo direttamente nei territori dove operiamo: basterà scrivere alla email benefitbsa@gmail.com. Abbiamo l'elenco che nasce dalle richieste provenienti direttamente dalle zone in cui operiamo e tiene di conto dell'avanzo ancora presente nei nostri magazzini generali, percé VOGLIAMO CHE NULLA VADA SPRECATO . Chiediamo che si attivino solo soggetti in condizione di raccogliere e trasportare autonomamente i beni raccolti nei nostri campi: non siamo purtroppo nella condizione di occuparci del trasporto dalla zona di raccolta alla zona di stoccaggio nel cratere. I furgoni di cui siamo dotati sono un bene essenziale nel cratere, costantemente impegnati nel rifornimento dei nostri spacci popolari e nel servizio di staffetta.Chiunque volesse sostenerci attivando una raccolta, può scriverci alla email magazzinibsa@gmail.com.Grazie a chiunque deciderà di sostenerci: senza questa possente rete di solidarietà costituita da ognuno di noi, non potremmo neppure esistere. Grazie a chiunque deciderà di sostenerci: senza questa possente rete di solidarietà costituita da ognuno di noi, non potremmo neppure esistere."
 
 
C'è l’azione di solidarietà ed il supporto che Coldiretti ha messo in campo dalle prime ore successive al sisma un dialogo serrato con le Istituzioni affinché sul territorio giungessero quanto prima aiuti, la messa a disposizione di volontari, container, roulotte, moduli abitativi, ma anche ricoveri e mangimi per gli animali per permettere un rapido ripristino delle attività produttive, con la vendita ad esempio presso i mercati di Campagna Amica della famosa caciotta solidale prodotta con latte raccolto dalle aziende delle zone terremotate... tutto insomma ciò che è utile per non abbandonare mai i territori e le popolazioni che hanno subito ingenti perdite e necessitano di aiuto per continuare la propria attività grazie alla quale negli anni è nato un fiorente indotto agroalimentare con caseifici, salumifici e frantoi dai quali dipende il lavoro di molte persone ed intere famiglie.

Ci sono poi tante iniziative solidali in favore delle scuole terremotate del centro Italia, come alla elementare Domenico Rossetti dell’Istituto Comprensivo di Valmaura, a Trieste, dove isegnanti, bambini e bambine, tutti insieme, hanno trasformato la scuola in un vero e proprio mercatino di Natale. Da ultimo - vorrei tanto che altri aggiornino questo post - racconto di un pizzaiolo del paese di Lettere, Vincenzo Staiano, con i ragazzi a rischio tra i 10 e i 18 anni, formati pizzaioli presso la Fondazione “‘A voce de’ creature” del sacerdote don Luigi Merola, hanno offerto 2500 pizze: “Uno di loro, uno scugnizzo che ha imparato l’arte della pizza, è venuto con noi a Norcia – racconta Staiano – è stata una esperienza che ci ha segnato. Un freddo terribile. Abbiamo dormito nelle tende, con i sacchi a pelo, insieme con i terremotati. La mattina non riuscivamo neppure ad andare in bagno. Era tutto ghiacciato”.

Lettere e Norcia si sono gemellate, “per non dimenticare”, presenti i due sindaci.
 
Non sono grandi notizie quelle che arrivano dallo Stato, tra una dimissione e un nuovo incarico... Ripeto anche io: "Laggiù la terra continua a tremare purtroppo, noi siamo lontani ma vi pensiamo,tanto e virtualmente vi abbracciamo. Vi abbiamo nel cuore" e "Non spegnete l'informazione"




Lasciare un commento