giovedì 20 luglio - Pressenza - International Press Agency

TAV Torino-Lione: la ministra francese dei trasporti chiede una pausa

La ministra francese dei trasporti Elisabeth Borne: “Si fa una pausa sulla Torino-Lione”

Il settimanale Reporterre ha pubblicato oggi un’intervista alla Ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borneche afferma: Si fa una pausa sulla Torino-Lione”.

Riportiamo qui integralmente l’articolo tradotto in italiano.

Il ministro dei trasporti Elisabeth Borne: “Ci fermiamo sulla Torino-Lione”

19 luglio 2017 / Intervista a Elisabeth Borne

Il progetto ferroviario Lione-Torino entra “in pausa”: questo è ciò che ha detto a Reporterre il Ministro dei Trasporti francese Elizabeth Borne. Questa pausa è parte del riesame dei progetti di infrastrutture ferroviarie deciso dal Presidente della Repubblica.

Dopo la conferenza stampa del 6 luglio 2017 nel corso della quale Nicolas Hulot ha annunciato il piano del Governo sul Clima, Reporterre ha interrogato il Ministro dei Trasporti francese, Elizabeth Borne, sulla Torino-Lione, la quale ha confermato che questo progetto fortemente contestato entra in una fase di “pausa”.

Resta ora da dare concreta attuazione a questa pausa, mentre la costruzione del progetto ferroviario sta progredendo tra molte difficoltà. La ministra sarà ascoltata domani, 20 luglio, dalla Commissione di Pianificazione e Sviluppo Sostenibile del Senato.

Reporterre: Sulla Torino-Lione, quando il ministro afferma: “Faremo una pausa e esamineremo caso per caso“, cosa significa? Ci sarà una pausa per riesaminare la Torino-Lione?

Elizabeth Borne: Il Presidente ha annunciato che, dal momento che gli impegni presi e le esigenze essenziali in termini di manutenzione e rigenerazione superano di dieci miliardi le entrate prevedibili in questa fase, dobbiamo fermarsci a riflettere sul modello di mobilità e priorizzare i progetti. Poi andremo ad una legge di pianificazione in cui non ci saranno più promesse non finanziate, valuteremo la spesa di anno in anno su un’ampiezza di dieci anni, e nel corso dei cinque anni del quinquennio applicheremo misure equilibrate.

Reporterre: Ciò significa che, per il momento, l’impegno finanziario del governo francese sulla Torino-Lione farà una pausa fino a quando questo processo sarà effettivo?

Elizabeth Borne: Il Presidente ha previsto un approccio globale. Si fa una pausa, si riesamina l’orientamento in termini di mobilità e si riesaminano le spese e le risorse per evitare di fare promesse non finanziabili e avere quindi a disposizione risorse coerenti con le promesse fatte.

Reporterre: Io sono un po’ stupido, ma è una pausa sulla Torino-Lione?

Elizabeth Borne – Si tratta di una pausa.

(Foto di Luca Perino via Flickr.com)

 

Movimento No TAV

http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=12210

www.PresidioEuropa.net/blog – info@PresidioEuropa.net




Lasciare un commento