venerdì 4 agosto - Marco Barone

Se a New York si chiedono perché in Italia ci sono mille divieti

Un noto sito internet di New York occupandosi di quanto ultimamente accaduto in città come Roma, Milano e Firenze non prospetta un bel quadro dell'Italia e l'interrogativo che sorge inevitabilmente in rete è perché in Italia si vieta praticamente ogni cosa, divieti che colpiscono anche i turisti.

 Sicuramente vi è un problema di turismo di massa concentrato in certi luoghi, a partire dal problema ben noto di Venezia, ma i divieti che colpiscono direttamente anche certi comportamenti che possono essere attuati dai turisti, sono perfettamente in linea con quella logica del santo decoro che deve sconfiggere il demone del degrado che ha colpito più di ogni altra cosa il disagio sociale.

Ed il tutto in un contesto sociale dove incrementa sempre di più la povertà e la richiesta di protezione sociale. L'Italia è un paese bello, ma profondamente corrotto, tanti i luoghi in stato di degrado strutturale e visivo. Però in Italia è più facile prendersela con il demente vandalo di turno, che con chi ha compromesso in modo sistemico e profondo la questione morale. Un Paese allo sbando, senza più questione morale, dominato dalle mafie, non ha futuro ed i divieti che possono scandalizzare od incuriosire chi vive all'estero altro non sono che un nulla rispetto ai veri problemi dell'Italia che non si possono più nascondere.

Marco Barone




Lasciare un commento