venerdì 24 febbraio - Slow Revolution

Manifestazione per l’accoglienza di Barcellona | Groupie

Inaudito. Sabato 18 febbraio a Barcellona migliaia di persone hanno sfilato con cartelli pieni di scritte deliranti, come “Casa nostra, casa vostra”, “Vogliamo accogliere”, “Benvenuti rifugiati”, “Niente frontiere, nessuna umanità è illegale” per finire con un esplicito “Aprite queste c…. di frontiere!”. 

Per gli organizzatori erano almeno 300mila, per la questura 160mila, per lo più intento a fare una passeggiata di piacere. A far sospettare un complotto contro il quieto vivere è la plateale ostentazione di umanità, segno evidente di deviazione psichica alla normale indifferenza. Considerare migranti e rifugiati come esseri umani con dei diritti è un evidente abuso dei principi della Dichiarazione approvata a Parigi il 10 dicembre del 1948 punibile con reclusione o severa ammenda.

Punizioni esemplari per evitare la diffusioni del virus umanitario che potrebbe indurre qualcuno a caricare un camion di alimenti e altri beni di conforto per i terremotati in difficoltà o aiutare i migranti a passare le frontiere. Sarebbe una tragedia, una attacco all’opinione condivisa dalla scienza e dalla sapienza che si tratta di invasori con intenti malvagi, consumatori difettosi con potere d’acquisto nullo e quindi inutili al benessere collettivo. Si devono gettare a mare insieme alla navi dei veleni, soluzione per altro efficace nel contenere la crescita demografica mondiale. E l’Europa non è l’Uganda che si mette a costruire scuole, campetti e cliniche nei campi profughi.

Noi abbiamo una cultura millenaria, siamo il centro dell’intellighenzia mondiale e siamo civili: gli abusi e le torture le demandiamo a popoli barbari come libici e turchi. Impossibile, poi, accoglierli tutti con il rischio che apprendano i “famosi diritti umani” della vignetta di Cecigian o i nostri principi fondanti diLiberté, Égalité, Fraternité. E se poi tornano in patria a diffondere il verbo illuminista come facciamo a continuare a depredare loro materie preziose e terre fertili? No, non è possibile. Che si ponga fine immediata al dilagare di umanità e si erigano muri sempre più alti e invalicabili.

 

Sito vignetta: cecigian.blogspot.it

Facebook: www.facebook.com/CeciGian




Lasciare un commento