lunedì 7 agosto - Fabio Della Pergola

La sindaca di Codigoro e le case per rifugiati

Alice Zanardi, la sindaca PD più "..." d’Italia (scegliete voi come definirla) ha inviato ai cittadini di Codigoro (provincia di Ferrara) il seguente avviso, pubblicato sulla pagina facebook del Comune.

Una minaccia non tanto velata (poi definita "una provocazione") di rendere la vita impossibile a chi avesse accolto dei rifugiati o avesse intenzione di mettere a disposizione di migranti un qualche locale nelle sue disponibilità.

Naturalmente il sindaco è libero di agire secondo il proprio senso civico e se ne assume la responsabilità (legale e anche politica). Ma visto che i codigoresi sono diminuiti fortemente negli ultimi anni, sarebbe il caso di valutare se il calo demografico è dovuto a semplice tasso di crescita negativo (se sono più numerose le morti delle nascite) o a emigrazione dei codigoresi verso altri lidi.

In questo secondo caso sarebbe opportuno che i codigoresi emigrati fossero individuati e le loro abitazioni visitate, nell’ordine, da AUSL, Polizia Municipale, Tecnici del Comune di Residenza. In seconda battuta le loro finanze - e le finanze di chi eventualmente li ospitasse - venissero verificate dalla Guardia di Finanza.

Al grido di "Fuori i codigoresi dall'Italia" (ma è una provocazione!) forse, stressando i codigoresi emigrati, aiuteremmo (a casa loro) i codigoresi rimasti. Che forse ci penseranno due volte a eleggere alla carica di sindaco una persona così... (scegliete voi come definirla) come questa Alice Zanardi.

 

 




Lasciare un commento