giovedì 9 marzo - Slow Revolution

La fiera etica parte della solidarietà: "Fa’ la cosa giusta"

In un mondo più giusto ed equo la solidarietà è imprescindibile. E non può mancare in una fiera dedicata al consumo critico e agli stili di vita sostenibili come Fa’ la cosa giusta che dedica la 14° edizione all’Umbria. Alla regione martoriata dagli eventi sismici del 2016 i responsabili di Terre di Mezzo, organizzatori dell’evento in programma a dal 10 al 12 marzo a fieramilanocity del capoluogo lombardo, riservano un’area dove incontrare alcuni piccoli agricoli d’eccellenza e dove sostenerli con l’acquisto della roveja di Civita di Cascia, del farro perlato DOP di Monteleone di Spoleto, dello zafferano purissimo di Cascia, dei formaggi dei Sibillini o delle gustose lenticchie di Norcia. 

Un omaggio da assaporare, ma pure per stimolare la visita delle terre del Centro Italia con un turismo lento rispettoso delle popolazioni e dell’ambiente, tema cardine dello stand del Cammino di San Benedetto e dell’incontro “Cammini e paesaggi, itinerari sostenibili in Umbria” previsto per sabato 11 marzo, alle ore 15.

Donne in cammino

Nell’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile la fiera meneghina ospita molte proposte per esplorare il Bel Paese alla scoperta delle bellezze artistiche e naturali, dei sapori e delle culture e delle altre attrattive del territorio. A ravvivare le aree dedicate alturismo consapevole sono pure gli incontri e le iniziative speciali, con un’anteprima da non perdere: la 24 ore in cammino con Anna Rastello. Si parte il 9 marzo alle ore 10 da piazza Gae Aulenti si cammina per un giorno intero (ma si può scegliere di accompagnare Anna soltanto per un tratto) lungo un itinerario che porta all’incontro con sette realtà cittadine impegnate a rendere più soave la vita di Milano per arrivare a Fa’ la cosa giusta per l’apertura dei cancelli del 10 marzo. Un vagare lento per riflettere sulla sostenibilità con appuntamento finale alle 17 per l’incontro con altre due camminatrici, Grazia Andriola e Cristina Menghini, impegnate a combattere la violenza sulle donne e a diffondere la cultura del muoversi lento.

Un mondo “circolare”

Tra le novità di Fa’ la cosa giusta 2017 ci sono pure le isole di educazione al consumo e la presentazione dei progetti che rigenerano i territori investendo su bellezza e cultura. Ma l’offerta, come tradizione, è ampia grazie alla presenza di oltre 700 aziende e associazioni ospitate in 11 sezioni tematiche e 6 spazi speciali, compresi quelli dedicati a mobilità sostenibile, moda etica, abitare “green”, cosmesi naturale e alimenti biologici, equi e solidali. Temi da “vedere” negli stand e da “ascoltare” nelle “piazze” dove si terranno più di 400 tra convegni e workshop dove si dibatterà pure di associazionismo, artigianato carcerario ed economia circolare, argomento centrale nell’edizione 2017 della rassegna. Al modello economico basato su riparazione e rigenerazione sono dedicati numerosi talk interattivi e incontri come “L’eterno ritorno, in natura non esistono scarti ma solo risorse” dove si presentano prodotti “organici” come le stoviglie biodegradabili, i pannolini compostabili, la pelle realizzata con lo scarto delle mele o le vernici derivate da prodotti apiari. Per chi vuole mettersi alla prova ci sono gli workshop dedicati alle 4R(riciclo, riuso, recupero e riparazione) e la “piazza Salumeria del Design” dove si apprendono i segreti per trasformare il materiale di recupero in accessori moda o piccola oggettistica di design. Segnaliamo, infine, la mostra fotografica “One Day in Africa” con 45 immagini del continente più giovane e dinamico del pianeta.

Fa’ la cosa giusta!

Dove: Milano, Fieramilanocity, padiglioni 3 e 4, viale Colleoni, Gate 4

Quando: 18-20 marzo

Orari Venerdì 10 marzo: ore 9-21 Sabato 11 marzo: ore 9-22 Domenica 12 marzo: ore 10-20

Biglietto Ingresso con catalogo: 7 euro Ingresso con il libro “Dal piatto alla pianta”: 10 euro, accesso consentito per 2 giorni Minori di 14 anni: ingresso gratuito Persone disabili: ingresso gratuito con l’accompagnatore. Invalidi: ingresso omaggio, mostrando documento invalidità.

Sito:

www.falacosagiusta.org

 

 



Lasciare un commento