domenica 26 marzo - loredana michelon

Fed, Forum Digitale dell’Economia

incontro organizzato da Confindustria Giovani NOW IS NEXT

L’incontro organizzato da Confindustria Giovani Imprenditori con il supporto della piattaforma di Facebook, svoltosi in data 22 mercoledì ha avuto un grande successo di pubblico, i partecipanti sono stati 4200. Persone giovanissime alle prese con un mondo imprenditoriale non di facile gestione. Molti i relatori e molte le esposizioni che però non hanno dato molte indicazioni se non quelle già conosciute soprattutto dai giovani.

Fra le molteplici sfaccettature esposte dai vari relatori quella di spicco è stata di Andrea Guerra presidente esecutivo di Eataly che ha suscitato nel pubblico grande approvazione e diversi interventi coronati da sonori applausi. Guerra Sostiene che, intanto è necessario ridare valore alla professionalità italiana, alla creatività e alla capacità di inventare nuove soluzioni e idee assolutamente inedite. In Italia non manca nulla, solo è questo è molto grave, una classe imprenditoriale che sappia trasmettere le capacità e la conoscenza del fare impresa. Non ci si improvvisa imprenditori ma con chi sa fare im0rpesa si possono apprendere tanti importanti passaggi. Cosa per esempio ci manca? il saper difendere e valorizzare i nostri prodotti che siano di qualsiasi tipo dall’agroalimentare, al turismo a tutto quello che fa impresa e la sa fare bene.

Altro punto importante che è emerso dai lavori è che non ci si può più fermare e negare che la tecnologia non serve a nulla. Ora senza di quella non si va da nessuna parte ecco perché il titolo del congresso Now is Next. Tecnologia che si può applicare ad ogni campo, alla robotica, dallo sport, alla produzione di manufatti e qui nasce il grosso problema italiano che pur essendo il secondo paese manifatturiero d’Europa siamo tra gli ultimi per quanto riguarda la tecnologia. Il cambiamento generazionale dovrebbe portare questo problema ad essere superato ma questo è necessario farlo il prima possibile.

 

Una frase che è stata scritta sul volantino consegnato ai partecipanti, fortemente incisiva: “Il futuro è adesso perché è nostro, un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di essa potrà porne uno. Perché non sono le risposte che cambiano il mondo ma il saper fare la domanda giusta!”.




Lasciare un commento