giovedì 5 gennaio - Doriana Goracci

Ali Izzettin Ahmed aveva la febbre alta, 7 anni e non aveva documenti...

Da giorni si sente di gente di tutte le età, che è a letto per l'influenza, mentre il freddo assedia. Poi arriva la notizia dalla Doğan News Agency. 

Il piccolo Ali Izzettin Ahmed aveva 7 anni e la febbre alta, ma non i documenti; rifiutato da 4 ospedali nella provincia meridionale turca di Antalya, in Turchia, è morto a casa dove il papà, rifugiato siriano di 30 anni, l'ha riportato, disperato.
 
Rimane una foto del piccolo che guida un triciclo come tanti altri bambini del mondo, con una sciarpa rosa al collo e forse quando la guerra ancora non aveva buttato giù la porta e del suo papà, con il viso segnato dai pensieri e dalle difficoltà quotidiane.

Rimangono a questo padre altri due bimbi e non sa dove andare, come farli vivere e si chiede quale futuro avranno se non possono neanche andare a scuola, e lui, non vuole sollevare un polverone...

Cosa c'è da aggiungere che non sia stato loro tolto?
 

Cosa avrebbe dovuto fare e continua a fare il dottor Pietro Bartolo a Lampedusa, lui che cura da anni, e spesso solo, centinaia di bimbi e persone senza documenti, appena sbarcate?
 




Lasciare un commento